SARA GIUDICE ROTTAMA GUIDO PODESTA’?

Tenendo conto degli impegni connessi ai prossimi appuntamenti elettorali che richiederanno una disponibilità di tempo pressoché totale a chi dovrà ricoprire la responsabilità di guida del Popolo della Libertà in Lombardia, ho oggi rassegnato le dimissioni da coordinatore regionale del partito”. Queste le parole di Guido Podestà, Presidente della Provincia di Milano, favorito d’obbligo per la successione Mario Mantovani, senatore e sottosegretario con delega per la casa.

I rumors parlano sempre più di un partito infuriato, da un lato, per la sterile difesa di Nicole Minetti, dall’altro, per l’iniziativa di Sara Giudice (oltre che per la sua partecipazione a programmi televisivi), la giovane consigliera di zona che, in pochissimi giorni, ha raccolto un successo importante, giovani e non hanno aderito alla petizione per mandare a casa la consigliera igienista dentale, la raccolta firme ha superato, in queste ore, il numero di 5.800.

Il dato della petizione è però ancora parziale, in quanto, per avere il totale, occorre aggiungere gli sms e le adesioni pervenute via email e/o tramite il nostro blog, richieste di dimissioni che – per quanto ci riguarda – sono state prontamente inviate alla diretta interessata in tempo reale (per chi non l’avesse ancora fatto ecco il link dove firmare: http://firmiamo.it/dimissioninicoleminetti).

 In questo scenario, Sara Giudice continua a mantenere la barra diritta, si dichiara “fedele al Pdl e al Presidente Berlusconi, crede fermamente nel progetto politico di un grande partito nazionalpopolare di centrodestra ma vuole che la futura classe dirigente italiana sia selezionata secondo limpidi e rigorosi criteri di partecipazione, trasparenza, rinnovamento e meritocrazia”.

 La vicenda non è ancora conclusa, Sara Giudice continua a raccogliere firme, a rispondere alle interviste e/o ad auspicare un partito diverso. Dall’altra parte, la tattica di ignorarla non sta funzionando, la rete è molto più forte dei silenzi politici, prova ne è il sostegno di molti rappresentanti dell’opposizione, giovani e non, che, pur dichiarando la diversità di opinioni politiche, hanno sostenuto Sara Giudice e la sua iniziativa.

 Probabilmente la raccolta firme di Sara Giudice non ha determinato le dimissioni di Guido Podestà, certamente, però, la consigliera di zona del Pdl ha toccato un nervo scoperto, ha svegliato le coscienze di tanti giovani italiani, i quali, hanno voluto in questi giorni manifestarle la propria vicinanza firmando la petizione e dando forza alle sue idee.

Kevin John Carones – faremilano@gmail.com

Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a SARA GIUDICE ROTTAMA GUIDO PODESTA’?

  1. Captain Spaulding ha detto:

    Secondo me ti stai accanendo contro un aspetto minore del problema.

    Invece di focalizzarti sulla Minetti (di cui, non fraintendermi, non ho affatto una buona opinione), dovresti allargare la tua analisi all’intero partito e chiederti se quelle persone, i Bondi, i Gasparri, i Capezzone, eccetra, rappresentano veramente il tuo ideale. Credo che, cosi` facendo, arriverai a comprendere quale sia veramente la punta dell’iceberg magari concentrando i tuoi apprezzabili sforzi dove lì possono essere piu` efficaci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...