MILANO AUMENTANO I TAXI: DA LUGLIO NUOVE TARIFFE

Dal prossimo mese di luglio le tariffe dei taxi milanesi aumenteranno, regione e sindacati parlano di adeguamento tariffario, vediamo nel dettaglio cosa cambia:

L’importo base  delle corse aumenterà da 3 euro e 3,20 euro nelle ore diurne, e da 6 a 6,10 euro in quelle notturne e da 5 euro a 5,20 euro nei giorni festivi.  Aumenta di 0,60 euro la tariffa oraria e aumentano di 5 euro gli importi fissi per gli aeroporti, ovvero Milano-Malpensa passa da 85 a 90 euro, e quello da Malpensa a Fiera Polo esterno passa da 60 a 65 euro, Malpensa-Linate costerà invece 100 euro invece che 95, e per la tratta Varese-Malpensa si spenderanno 65 euro. Invariata a 50 euro rimane la tariffa Linate-Fiera Polo Esterno di Rho.

L’adeguamento tariffario è stata determinato partendo dal dato fisso dell’inflazione al 3,23 %, e applicando una formula matematica precedentemente stabilita nel corso degli accordi del 2008, di fatto 4 parametri di qualità che sono: il numero delle auto ecologiche, la presenza di forme di pagamento elettroniche, la conoscenza di almeno una lingua straniera da parte dell’autista e il numero di giorni di presenza in servizio. Di fatto però l’ultimo parametro non è stato rispettato e avendo dato un risultato negativo ha determinato una riduzione dell’aumento al 2,58%.

I taxi autorizzati ad operare sugli aeroporti lombardi, su determinati percorsi prestabiliti – a prescindere dall’importo che può indicare il tassametro – devono applicare tariffe predeterminate, comprensive di tutti i costi (equivalente economico del tempo di presa in carico, pedaggio autostradale, supplemento notturno o festivo). L’applicazione della tariffa fissa prevede che il tassista scelga il percorso idoneo per raggiungere la destinazione. L’eventuale richiesta di soste o fermate intermedie o la richiesta di variazione di percorso fanno venir meno l’applicazione della tariffa fissa.

Durante la corsa è facoltà del passeggero chiedere una eventuale sosta di attesa fino al massimo di 1 ora. In questo caso, oltre all’eventuale importo segnato a tassametro, l’utente deve anticipare 26,18 euro a titolo di deposito come somma prestabilita per la fermata di un’ora.

Valide alternative al caro taxi per le tratte Milano-Malpensa e Milano-Linate rimangono i treni (da poco anche il freccia rossa per Malpensa) e per Linate la linea di autobus urbano numero 73 al prezzo di 1 euro, il bus Milano Fiera-Linate che opera durante le manifestazioni fieristiche e collega i poli fieristici di Milano (Fiera Milano City e Fiera Milano Rho-Pero) al costo di 6,50 euro, il Malpensa Express che collega la stazione di Cadorna con il Terminal 1 dell’aeroporto di Malpensa a 14,50 euro andata e ritorno.

Anna Sara Balloni   faremilano@gmail.com 

Questa voce è stata pubblicata in trasporti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a MILANO AUMENTANO I TAXI: DA LUGLIO NUOVE TARIFFE

  1. Napoleone Pedrielli ha detto:

    Gentile signora Anna Sara Balloni,
    Nel suo articolo vengono scritte cose ineccepibili se da un punto di vista: quello dell’utente e consumatore. Per mia forma mentale, però, sono abituato a considerare i fatti secondo i punti di vista di tutti i protagonisti. Gli altri sono, guarda caso, i tassisti che si sono visti concedere un aumento delle tariffe che avrebbe dovuto coprire gli aumenti dei costi. Tale aumento però, è condizionato da parametri (lingua inglese, auto ecologiche,ecc.)che nulla hanno a che fare sulla remunerabilità dell’impresa taxi. Il punto è che il “taxi” è considerato dalle varie componenti politiche, un lusso che ogni cittadino, se lo vuole, si deve pagare. Mentre se vuole circolare con i mezzi pubblici, lo può fare con prezzi ridicoli perchè sovvenzionati dallo stato, regioni e comuni. In altri paesi europei trdizionalmente più attenti ai bisogni dei cittadini, considerano il taxi un supporto al trasporto pubblico (serve agli anziani, meno abili, turisti e uomini d’affari che portano soldi), viene quindi, in qualche modo, defiscalizzato, sovvenzionato, facilitato negli adempimenti burocratici riuscendo a tenere, in questo modo tariffe più basse.I trasporti pubblici Europei, ricevono molte meno sovvenzioni che in Italia, il prezzo dei loro biglietti è notevolmente più caro e quindi il confronto del prezzo autobus-taxi è quindi meno sfavorevole a questi ultimi. LA ringrazio di avermi letto fin quì, potrei continuare più a lungo, ma non voglio essere noioso. La saluto cordialmente, Napoleone Pedrielli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...