ELEZIONI REGIONALI, TOTI ED ESSELUNGA IN LIGURIA: SOGNO O REALTA’?

Esulerà Caprotti - FALCE CARRELLO

La vittoria a sorpresa alle elezioni Regionali di Giovanni Toti aprirà uno scenario nuovo nel panorama della Grande Distribuzione, consentendo, nei prossimi cinque anni, alla catena dei supermercati Esselunga di sbarcare in Liguria, dopo anni di lotta impari contro il gigante Coop?

Se fino a settimana scorsa questa domanda aveva una risposta negativa scontata, dallo spoglio di domenica notte, le possibilità sono mutate notevolmente.

E’ noto, infatti, che il governo della Regione giochi un ruolo essenziale, essendo l’organo preposto al rilascio delle licenze commerciali, trattandosi di grandi superfici di vendita.

Il primo step, in ogni caso, è la volontà politica a livello locale, occorre quindi prima di tutto che il Comune dove si trova l’area, potenzialmente interessata a diventare un supermercato, sia disponibile e favorevole (quasi sempre necessario anche un cambio di destinazione d’uso).

L’esperienza della Lombardia insegna:  Esselunga (e per la Coop Liguria funziona allo stesso modo, solo a ruoli rovesciati, a livello politico) è riuscita ad aprire nei comuni dove il partito di Berlusconi governava (da oltre vent’anni la Regione Lombardia è controllata da esponenti del centrodestra). Per contro, i problemi diventavano insormontabili, per una logica di veti incrociati, quando comune e regione erano controllati da partiti opposti .

Un esempio concreto alle porte di Milano: a Segrate, fino a che c’era una Giunta Comunale di centrosinistra Esselunga era bandita, ma durante gli anni in cui il centrodestra ha governato, il marchio di Caprotti ha aperto in fregio alla Strada Cassanese, in una location top, a pochi metri da Milano 2 (da oltre vent’anni il governo della Regione Lombardia è saldamente in mano al centrodestra).

Certamente le migliaia di milanesi che frequentano il Mar Ligure fanno il tifo per il gruppo guidato da Bernardo Caprotti, per una mera questione economica: chi fa la spesa all’Esselunga risparmia, in media, un 30% circa rispetto a qualsiasi Coop Liguria, grazie alla politica delle offerte tutto l’anno.

E di questa speranza si parlava lunedì mattina (sottovoce) nei carruggi della Liguria, fra i tavoli dei bar, sorseggiando un caffè.

Kevin John Carones 

Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...